Recensioni

Consigli d’Avvento #1^ settimana

Brevestoriadellamusica

La recente festa di S. Cecilia, patrona della Banda di Annifo, ci ha offerto l’occasione per riflettere su quanto la musica sia nostra compagna fidata e fedele. In questa Breve storia della musica, Massimo Mila, ripercorrendo le sue tappe nel corso dei secoli, ci racconta come la musica si sia evoluta e quale e quanto grande sia stato il suo contributo alla nostra civiltà.

LaRepubblicaOpera di lunga e meditata gestazione e caposaldo della filosofia antica, scoglio interpretativo dei più prestanti studiosi e baluardo tanto affascinante quanto arduo di ogni liceale, la Repubblica è il dialogo platonico che meglio assomma e sistematizza il pensiero del filosofo, il quale porta a maturazione la speculazione inerente alla dottrina delle idee; affronta poi, sul piano conoscitivo ed ontologico, il concetto di bene e ne conduce una riflessione etica, in rapporto alle implicazioni sociali e pratiche in vista delle quali esso diventa il fine per costituire lo stato ideale, garante della più consona attività politica a tutela e ad incremento della comunità. Il tema della giustizia pure risente spesso di sterzate utopistiche, che saranno riassorbite nell’altro vasto dialogo, Le Leggi, ultima fatica della vecchiaia, lasciata incompiuta.

Lohobbit“In un buco nel terreno viveva uno hobbit”… cos’è uno Hobbit? Da dove proviene? Se il nome vi incuriosisce, non dovrete far altro che leggere questa mitica avventura dello scrittore inglese J.R.R. Tolkien durante le vacanze natalizie. L’intera storia punta a far comprendere come la persona più piccola ed impensata, possa cambiare le sorti del mondo e come questo mondo sia in grado di cambiarla.
Nel ruolo di scassinatore, Bilbo Beggins, piccolo Hobbit della contea nella Terra di Mezzo, si lascia convincere dallo stregone Gandalf a partire per un viaggio, che ha come capolinea la Montagna Nebbiosa, regione che vuole essere raggiunta dai 12 nani, capeggiati da Thorin, per rimpossessarsi delle ricchezze che appartenevano ai nani ed ora sono in mano al drago Smaug. Tra nani, orchi, goblin, mutaforma, ragni ed uno strano esserino a cui piace dilettarsi con indovinelli… non potrete che trovare un caldo abbraccio di fantasia che pochi autori come Tolkien sanno dare; che lo leggiate ai vostri figli o per voi stessi, sappiate che avete per le mani un piccolo tesoro che va conservato nei vostri cuori con ardore. Capitelo. Amatelo. Vivetelo. Buona lettura!

limonovGrande fenomeno letterario, Limonov di Emmanuel Carrère continua a scuotere i lettori di tutto il mondo: con dirompente schiettezza, lo scrittore presenta la biografia di questo controverso ed eclettico personaggio a noi contemporaneo, Eduard Limonov, che è stato poeta in Russia, terrorista in Jugoslavia, prima senzatetto e poi maggiordomo a New York, ma anche asceta, galeotto e perfino leader politico. Un caleidoscopio di vitalità, raccontato con appassionante concretezza e fervido entusiasmo.

IoeteIn Io e te, brevissimo romanzo di Niccolò Ammaniti, giovane e affermato scrittore romano, Lorenzo Cuni e la sorellastra Olivia si trovano a convivere per qualche giorno in un’angusta cantina all’insaputa di tutti. Lorenzo è un ragazzo che vorrebbe solo essere come tutti gli altri; prova a fare finta… ma è un castello di carte destinato a cadere. Olivia la conosce appena, sa che prima era bella ed ora sembra stanca, affamata, febbricitante; leigli chiede aiuto e, in qualche misura, lo ottiene. Dolceamaro estratto di un incontro di vite, che lascia tanti perché sospesi in testa.

amletoÈ – o non è? Decisamente è! L’Amleto shakespeariano è una delle più alte prove di cui la letteratura mondiale sia mai stata testimone. È l’opera che apre alla modernità alcune piste interpretative sull’uomo e sul senso dell’esistenza tanto da scavalcare la storicità dei temi e l’inquadramento drammaturgico in sé, per richiamarsi direttamente, più al di là e più al di sopra, ai motivi primi dell’esistenza: attraverso fotogrammi narrativi di autocoscienza, dove il pensiero si fa massa terribilmente inibitoria, quanto più si spinge oltre i confini fin lì lambiti, o si fa al contrario agile e profondo scandaglio della psiche individuale, delle solitudini che aggrovigliano gli slanci dell’azione nelle velenose e parassiti spirali dell’impotenza. Amleto, fortunato paradigma letterario di svariati studi psicanalitici, è l’eroe del “dubbio non scettico”, ovvero di quel dubbio incondizionato indeciso fluttuante macero e – al limite – paralizzante che soggiace nelle cavità più delicate e indifendibili del nostro io, irriso e frantumato, cui neppure il più vigoroso Achille potrebbe mai sottrarsi. È con quest’opera che Shakespeare, quasi da autore anzitempo novecentesco, ci invita ad interrogarci su quanto la nostra forza può trovare nel dubbio la matassa più distruttiva e invadente, l’ingorgo dell’inettitudine, o – chissà – il coraggio più dirompente, il bagliore dopo il nichilismo.

ilmaestroemargheritaPonzio Pilato, già tormentato da un’insopportabile emicrania, si ritrova per le mani una fastidiosa seccatura: un uomo di nome Jeshua, agitatore di folle, che professa addirittura l’amore per il prossimo! Questa la trama di un romanzo dato alle fiamme a Mosca negli anni Trenta, ad opera del suo stesso autore, il Maestro, che ora è stato rinchiuso in manicomio. Lì si trova anche Bezdomnij, giovane poeta, dopo aver assistito alla scioccante morte del suo amico Berlioz, predetta da uno strano personaggio. È Woland – il Diavolo? – che, assieme ai suoi eclettici soci, inscenando una serie di bizzarri accadimenti, riuscirà a sconvolgere le sorti del Maestro e della sua amata Margherita, ma soprattutto a far comprendere a noi lettori, intimoriti ed un po’ sperduti dalla vastità del sostrato allegorico dell’opera, quanto una società massificata possa rendere limitato l’animo umano. Il Maestro e Margherita, il capolavoro di Bulgakov, è disponibile alla BdiA, pronto ad entrare nei vostri cuori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...